FAC

Che cos’è: Tag Tema

Un tag template è una funzione PHP utilizzata per generare e visualizzare le informazioni in modo dinamico. I temi WordPress contengono diversi modelli e gli sviluppatori di temi utilizzano i tag modello per recuperare e visualizzare dati dinamici. 

WordPress ha molti tag modello incorporati che possono essere utilizzati nei temi WordPress. I plugin e i temi WordPress possono anche definire i propri tag modello e usarli in modelli diversi.

Esempio:

1

Il tag modello autore mostra il nome dell’autore del post in WordPress.

Esempio di utilizzo:

1

This post is written by

 

I tag modello possono anche restituire un set di dati e gli utenti possono scegliere cosa visualizzare utilizzando i parametri.

Esempio:

I tag modello sono fondamentalmente funzioni PHP, quindi qualsiasi funzione PHP definita da un plugin o tema WordPress può essere utilizzata come tag modello. Per utilizzare una funzione tema come tag modello, la funzione deve essere definita nel functions.phpfile del tema .

I tag modello sono funzioni PHP, quindi possono essere utilizzati anche all’interno di altre funzioni PHP e tag modello. Nell’esempio seguente, abbiamo definito una funzione che mostra del testo.

Esempio:

1
2
3
4
function donation_request() {
    $this_article = wp_title('',true);

    echo '

Hi, if you enjoyed reading ‘.$this_article.' please consider donating.';

}

Per utilizzare questa funzione in un modello, aggiungi questa riga di codice:

1

È possibile combinare più tag modello per raggiungere un obiettivo.

Che cos’è: Tema

In WordPress, un tema è una raccolta di modelli e fogli di stile utilizzati per definire l’aspetto e la visualizzazione di un sito Web alimentato da WordPress.

Possono essere modificati, gestiti e aggiunti dall’area di amministrazione di WordPress in Aspetto »Temi . Sono disponibili diversi temi WordPress gratuiti ea pagamento . WordPress.org ha una grande collezione di quelli gratuiti nella loro Directory tematica .

Ognuno ha un design, layout e caratteristiche diversi. Un utente deve scegliere quello che si adatta ai propri gusti e requisiti per il proprio sito web. Ci sono quelli che sono progettati per servire specifici tipi di siti Web, ad esempio, i temi di WordPress Photography sono progettati per i fotografi e i siti web di fotografia.

Possono essere modificati aggiungendo plugin o aggiungendo codice al file functions.php. Le modifiche possono anche essere fatte sotto forma di un tema figlio. I temi sono generalmente composti da tre parti oltre alle immagini e ai file JavaScript. Le tre parti sono il file style.css, i file modello WordPress e un file functions.php opzionale che consente di apportare modifiche al tema. Ogni tema deve avere un file style.css unico. Ciò non significa che gli stili non possono essere gli stessi, ma piuttosto che le informazioni di identificazione nell’intestazione devono essere diverse altrimenti si avranno problemi durante l’installazione. Se non è un tema figlio, allora deve anche avere almeno un file template index.php per controllare la visualizzazione del contenuto.

Che cos’è: Opzioni tema

Le opzioni del tema sono una pagina di amministrazione personalizzata che include alcuni temi di WordPress. Consente agli utenti di modificare le impostazioni del tema senza modificare i file del tema o toccare alcun codice. 

Queste pagine di opzioni a tema possono essere molto semplici con una manciata di opzioni o possono avere tonnellate di opzioni di personalizzazione suddivise in schede o più pagine.

Twenty Eleven, uno dei temi predefiniti di WordPress, ha una pagina Opzioni tema estremamente semplice.

È importante capire che i temi WordPress NON sono richiesti per avere una pagina delle opzioni. Ad esempio, Twenty Twelve, uno dei temi WordPress predefiniti non ha una pagina Opzioni tema. Invece utilizza la funzione di personalizzazione del tema WordPress che consente agli utenti di personalizzare i loro temi con un’anteprima dal vivo.

Ci sono temi come Headway Theme che aggiunge il proprio editor drag and drop dal vivo che molti principianti di WordPress trovano utili e attraenti. Altre aziende tematiche hanno il proprio pannello delle opzioni di marca che consente una maggiore personalizzazione, ma non sono drag drop. Alcune persone preferiscono questo modo. Esempio di aziende tematiche che hanno un pannello delle opzioni per il tema molto elaborato sono Elegant Themes o Themify.

Le opzioni del tema sono buone per la maggior parte degli utenti, ma tendono a complicare le cose sul lato dello sviluppo delle cose. Questo è il motivo per cui molti sviluppatori preferiscono lavorare con framework di temi che hanno un semplice pannello delle opzioni del tema come Genesis Framework.

Che cos’è: Template

Nello sviluppo del tema WordPress, un modello definisce parte di una pagina web generata da un tema WordPress.

Esempio: header.phpè un modello predefinito utilizzato nella maggior parte dei temi WordPress. Definisce l’area di intestazione delle pagine Web generate da WordPress. Il file di intestazione verrà generalmente caricato su ogni pagina del tuo sito WordPress, consentendo di apportare modifiche a un singolo file, che verrà applicato all’intero sito Web.

La maggior parte dei temi WordPress ha alcuni modelli predefiniti con codice per generare output HTML per particolari sezioni di un sito web.

  • Principale – index.php. Per visualizzare la pagina principale di un sito Web.
  • Intestazione – header.php. Visualizza la sezione dell’intestazione.
  • Barra laterale – sidebar.php. Genera output HTML per la sezione della barra laterale.
  • Piè di pagina – footer.php. Visualizza la sezione del piè di pagina.
  • Funzioni del tema – functions.php. Contiene codice e funzioni da utilizzare in un tema.
  • Single Post – single.php. Visualizza la singola pagina del post.
  • Commenti – comments.php. Visualizza commenti e modulo di commento.

[av_image src=’http://demo2.linkware.it/linkware-old/wp-content/uploads/2019/01/templates-wp.jpg’ attachment=’724′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ copyright=” animation=’no-animation’ av_uid=’av-9ucqb’ admin_preview_bg=”][/av_image]

I modelli possono essere inclusi l’uno nell’altro. Ad esempio, single.phppuò contenere un’intestazione, un piè di pagina, una barra laterale e un modello di contenuto. WordPress consente agli utenti di aggiungere quanti ne vogliono. Alcuni temi li avranno anche per i loop personalizzati e le barre laterali.

WordPress ha anche una gerarchia di modelli. Se un tema non esiste single.phpper qualche motivo, WordPress tornerà automaticamente a modelli più generali come index.php.

Oltre a questi modelli, ogni tema WordPress deve avere un nome di file di definizione dello stile style.css.

Cos’è: Theme Framework

Il termine quadro di temi WordPress fa spesso riferimento a una libreria di codici che viene utilizzata per facilitare lo sviluppo di un tema. Ai vecchi tempi di WordPress, c’erano alcuni problemi cruciali nel modo in cui i temi venivano sviluppati e mantenuti. 

Non c’era un buon modo per aggiornare i temi di WordPress senza perdere tutte le opzioni di stile personalizzate. Non c’era modo di impedire la copia e incolla dello stesso codice di funzionalità in tutti i temi. Mentre questi due problemi potrebbero non sembrare un problema per un utente medio, questi possono essere disastrosi per alcuni motivi.

Che cosa succede se ti rendi conto che lo stesso codice che stavi usando in tutti i tuoi temi aveva un exploit di sicurezza. Ancora più importante, cosa succede se questo tema è qualcosa che hai rilasciato pubblicamente per gli altri da scaricare e personalizzare. Sì, è il caos che aspetta di accadere. Il team principale e la comunità hanno deciso di risolvere i problemi sopra menzionati introducendo il concetto di tema principale e tema figlio.

I framework per i temi di WordPress sono concepiti per essere utilizzati come un modello di tema principale in cui risiedono tutte le funzionalità. Gli sviluppatori possono quindi creare un tema figlio per aggiungere uno stile personalizzato lasciando gli aspetti della funzionalità al framework. Ciò consente una posizione centralizzata in cui sono ospitate tutte le funzioni. Se il team di sviluppo principale decide di deprecare una funzione di WordPress o se viene rilevato un bug in uno specifico framework di temi, è estremamente semplice eseguire un aggiornamento senza modificare nulla del tema secondario. Questo metodo ti consente di mantenere forte il “framework” del tuo sito senza modificare il suo aspetto.

Che cos’è: Theme Responsive

I temi reattivi seguono l’approccio reattivo del web design che mira a creare siti web che offrono un’esperienza utente ottimale su vari dispositivi e risoluzioni dello schermo compresi computer desktop, tablet come iPad, smartphone e altri dispositivi mobili. 

Un tema WordPress reattivo regola senza problemi il layout in base alle dimensioni e alla risoluzione dello schermo.

I temi reattivi offrono una migliore leggibilità e usabilità su schermi più piccoli come gli smartphone. Inoltre, ti impedisce di creare una versione mobile specifica per dispositivo. Prima di temi reattivi, i siti dovevano creare una versione mobile diversa per ogni piattaforma come iPhone, Android, ecc. La progettazione reattiva consente a un singolo sito di essere visualizzato su vari dispositivi senza la necessità di ulteriori temi o plug-in.

Un numero crescente di persone accede a Internet tramite tablet e smartphone. Questo è il motivo per cui stiamo assistendo a un aumento del numero di temi reattivi che vengono creati dalle aziende tematiche di WordPress. Se gran parte dei visitatori del tuo sito web visitano il tuo sito Web utilizzando un dispositivo mobile, dovresti prendere in seria considerazione l’idea di offrire una versione mobile o passare a un tema WordPress reattivo.

C’è un tema nel repository di WordPress chiamato “Responsive”, tuttavia non è l’unico tema reattivo disponibile. Quindi non essere confuso. Ci sono tonnellate di temi reattivi disponibili.

Che cos’è: dimensioni miniatura

Le dimensioni dell’anteprima sono funzioni di WordPress incorporate che consentono a designer e sviluppatori di temi di definire le dimensioni delle anteprime per le immagini caricate dagli utenti. 

Spesso gli utenti confondono che le dimensioni delle miniature si applicano solo alle miniature o alle immagini in primo piano. Non è vero. Le dimensioni delle miniature si applicano a tutte le immagini caricate nel tuo WordPress. Le dimensioni dell’anteprima sono meglio definite come dimensioni di immagine aggiuntive.

I progettisti e gli sviluppatori possono scegliere di utilizzare una delle dimensioni definite in Impostazioni di WordPress » Schermata multimediale o definire le proprie dimensioni di immagine aggiuntive. Una volta definita una nuova dimensione, WordPress genererà automaticamente una copia di ogni dimensione quando carichi l’immagine. Non genera automaticamente nuove dimensioni per le immagini caricate in precedenza. Tuttavia, esistono plugin come Regenerate Thumbnails che è possibile utilizzare per generare nuove dimensioni di tutte le immagini caricate in precedenza.

C’è qualche critica a questa funzione. I critici sostengono che questa funzione può consumare molto spazio su disco se si dispone di più dimensioni di immagine e molte immagini sul sito. Sfortunatamente questa critica è accurata. Se hai molte immagini, allora vuoi limitare la quantità di dimensioni delle immagini che hai sul tuo sito o semplicemente pagare per più spazio di hosting web.

Che cos’è: Toolbar

La barra degli strumenti, precedentemente nota come barra di amministrazione, è un’area solitamente visibile agli utenti di WordPress registrati nella parte superiore dello schermo. 

Questa è una barra orizzontale a larghezza piena che contiene scorciatoie a diverse sezioni delle schermate di amministrazione di WordPress, come “Crea nuovo post”, “Modifica profilo”, “disconnessione”, ecc. Visualizza il logo WordPress nell’angolo in alto a sinistra e utente gravatar nell’angolo in alto a destra dello schermo.

La barra degli strumenti è generalmente visibile per tutti gli utenti registrati per impostazione predefinita. Tuttavia, i collegamenti nella barra degli strumenti cambiano di conseguenza in base al ruolo e alle funzionalità dell’utente sul sito Web. Gli utenti possono anche scegliere di nascondere la visualizzazione della barra degli strumenti sul front-end del sito modificando il loro profilo e deselezionando la casella accanto all’opzione Barra degli strumenti .

Nascondi barra degli strumenti durante la visualizzazione del front-end di un sito Web

La barra degli strumenti di WordPress può essere estesa da temi e plug-in di WordPress per aggiungere scorciatoie alla barra degli strumenti. La barra degli strumenti di WordPress mostra le scorciatoie in modo dinamico. Ad esempio, quando un nuovo tipo di messaggio personalizzato viene aggiunto a un sito WordPress, verrà automaticamente visualizzato sotto il menu + Nuovo. Inoltre, quando si visualizza un tipo di post personalizzato o lo si modifica, la barra degli strumenti mostrerà i collegamenti nello stesso contesto.

Il logo WordPress nell’angolo in alto a sinistra dello schermo è un link alla schermata about.php che di solito porta l’utente alla schermata ‘Welcome to WordPress’ contenente le funzionalità e le modifiche disponibili nella versione installata di WordPress. Portando il mouse sul logo di WordPress sulla barra degli strumenti, verrà visualizzato un sottomenu di collegamenti a WordPress.org, alla documentazione di supporto di WordPress e ai forum.

Dopo il logo WordPress, l’elemento successivo è solitamente un collegamento con il titolo del sito web come testo di ancoraggio e un’icona di casa prima di esso. La posizione di destinazione di questo collegamento è impostata sul front-end del sito quando viene visualizzata da una schermata di amministrazione. Se visualizzato dal front-end di un sito questo link mostra un sottomenu con collegamenti a diverse sezioni, ad esempio Dashboard, Temi, Menu, ecc.

La barra degli strumenti mostra anche un collegamento ai commenti rappresentato da un’icona a fumetto. Quando ci sono commenti in attesa di approvazione, WordPress mostrerà il numero di commenti in attesa di approvazione.

Un’altra funzionalità della barra degli strumenti consiste nel visualizzare un’icona di aggiornamento quando è disponibile un aggiornamento per WordPress, temi WordPress o un plug-in installato.

Che cos’è: WAMP

WAMP è talvolta usato come nome abbreviato per lo stack di software Windows, Apache, MySQL, PHP. È derivato da LAMP che sta per Linux, Apache, MySQL e PHP. Come suggerisce il nome, mentre LAMP viene utilizzato su server Linux, WAMP viene utilizzato su server Windows. Poiché WordPress non è solitamente installato su Windows Server, WAMP è diventato popolare tra gli sviluppatori come metodo di installazione di WordPress sui loro personal computer .

La “A” in WAMP sta per Apache. Apache è un software server che viene utilizzato per servire pagine Web. Ogni volta che qualcuno digita l’URL del tuo sito Web WordPress, Apache è il software che “serve” il tuo sito WordPress.

La “M” in WAMP sta per MySQL. MySQL è un sistema di gestione di database. Il lavoro nello stack software è quello di archiviare tutti i contenuti del tuo sito web, i profili utente, i commenti, ecc.

La “P” in WAMP sta per PHP. PHP è il linguaggio di programmazione in cui è scritto WordPress. È anche il pezzo che tiene insieme l’intero stack del software. Funziona come un processo in Apache e comunica con il database MySQL per creare dinamicamente le tue pagine web.

Lo stack del software WAMP può essere scaricato dalla pagina di download del progetto wampserver . Per gli utenti di Microsoft Windows, è disponibile in un pacchetto di installazione semplice con un pannello di controllo. L’avvio del pannello di controllo del gestore WAMP avvia i servizi Web Apache, PHP e MySQL sul computer locale. WAMP e altri stack software con nomi e caratteristiche simili sono un buon modo per sviluppare siti Web su una macchina locale senza trasferire i file su un sito Web attivo. I progettisti e gli sviluppatori di temi preferiscono avere questo perché accelera i tempi di sviluppo.

I principianti lo usano spesso anche per scopi di apprendimento e test.

È importante notare che se installi WordPress localmente sul tuo computer usando WAMP, allora sei l’unica persona che può vedere quel sito. Se si desidera che un sito WordPress live sia disponibile al pubblico, è necessario disporre di un dominio Web WordPress.

Che cos’è: Widget

Un widget WordPress è un piccolo blocco che esegue una funzione specifica. Puoi aggiungere questi widget nelle barre laterali note anche come aree pronte per widget sulla tua pagina web.

I widget WordPress sono stati originariamente creati per fornire un modo semplice e facile da usare per dare all’utente il design e il controllo della struttura del tema WordPress. I widget possono essere facilmente trascinati e rilasciati in un’area specifica del widget. Puoi trovare l’elenco dei widget disponibili e le aree dei widget andando nella sezione Aspetto »Widget nel pannello di controllo di WordPress.

I widget in WordPress ti consentono di aggiungere contenuti e funzioni nelle aree widgetizzate del tuo tema, che è principalmente la barra laterale. Tuttavia queste aree pronte per il widget possono essere nell’intestazione, nel piè di pagina, nella barra laterale, sotto il contenuto e in pratica in qualsiasi altra area del tema. Le aree del widget disponibili che hai nel tuo tema variano da tema a tema.

La maggior parte dei temi WordPress sono pronti per il widget e hanno più aree widget. Tuttavia, i temi NON sono richiesti per avere aree di widget. Se non vedi alcuna area del widget, significa che il tuo tema non supporta i widget.

Esistono molti tipi diversi di widget. WordPress viene fornito di default con diversi widget tra cui categorie, tag cloud, menu di navigazione, calendario, ricerca, post recenti ecc. Se trascini il widget dei post recenti in un’area widget, allora conterrà un elenco di post recenti.

I widget sono principalmente aree di codice indipendenti che eseguono una determinata funzione. I plugin spesso aggiungono i propri widget per dare agli utenti un maggiore controllo sulla visualizzazione delle funzioni dei plugin. Un esempio di widget di plug-in è OIO Publisher che consente di aggiungere una specifica area di annunci banner nelle aree del widget utilizzando il widget.

Che cos’è: WordPress.com

WordPress.com è un fornitore di servizi di hosting di blog di proprietà. WordPress.com non è direttamente collegato a WordPress.org che ospita il più popolare software CMS open source, WordPress.

 Anche se il servizio di blog hosting WordPress.com utilizza WordPress al suo interno, ci sono diverse limitazioni a WordPress.com.

Non è possibile installare plug-in sul proprio sito WordPress.com che è una delle migliori caratteristiche dell’utilizzo di WordPress. Abbiamo sentito da molti utenti che sono passati da WordPress.com a un sito WordPress.org self-hosted perché non volevano essere limitati in termini di cosa potevano fare con il loro sito.

Non è inoltre possibile utilizzare temi personalizzati su WordPress.com. Oltre a tutto ciò, sei limitato in termini di monetizzazione. Non puoi utilizzare piattaforme pubblicitarie come Google Adsense sul tuo sito WordPress.com per guadagnare denaro da esso.

Che cos’è: WP_Query

WP_Query è una classe definita in WordPress. Consente agli sviluppatori di scrivere query personalizzate e visualizzare messaggi utilizzando parametri diversi. Gli sviluppatori possono interrogare direttamente il database di WordPress. Tuttavia, WP_Query è uno dei modi consigliati per interrogare i post dal database di WordPress.

Di seguito è riportato un esempio di una semplice WP_Query che visualizza i post dalla categoria di filmati:

1
2
3
4
5

Il codice di esempio sopra non mostra automaticamente i messaggi. Per visualizzare i risultati della query, l’utente dovrebbe utilizzare il ciclo WordPress. Come questo:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19

WP_Query è uno strumento potente e ci sono molti parametri che possono essere utilizzati per scrivere query più complesse e avanzate. WP_Query può essere utilizzato per creare cicli nidificati (un ciclo WordPress all’interno di un ciclo). Gli sviluppatori di WordPress possono usarlo nei loro plugin e temi per creare le proprie visualizzazioni personalizzate di post.

Un elenco completo dei parametri di WP_Query è disponibile su WordPress Codex .

Che cos’è: wp-config.php

wp-config.phpè uno dei principali file WordPress. Contiene informazioni sul database, inclusi nome, host (tipicamente localhost ), nome utente e password. Questa informazione consente a WordPress di comunicare con il database per archiviare e recuperare i dati (es. Post, Utenti, Impostazioni, ecc.). Il file viene anche utilizzato per definire opzioni avanzate per WordPress.

Il file wp-config.php non è incluso nel pacchetto di download predefinito di WordPress. Invece, contiene un file chiamato wp-config-sample.phpche può essere rinominato e usato come wp-config.php per installare e usare WordPress.

Quanto segue mostra la sezione più importante del file wp-config:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
// ** MySQL settings - You can get this info from your web host ** //
/** The name of the database for WordPress */
define('DB_NAME', 'database_name_here');
/** MySQL database username */
define('DB_USER', 'username_here');
/** MySQL database password */
define('DB_PASSWORD', 'password_here');
/** MySQL hostname */
define('DB_HOST', 'localhost');

Il file rimanente del file wp-config, mostrato di seguito, ha anche impostazioni più avanzate per configurare altri elementi del database, le chiavi di sicurezza per l’installazione di WordPress e le opzioni dello sviluppatore. Puoi generare automaticamente un nuovo set di chiavi di sicurezza visitando il  sito dell’API di WordPress .

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
/** Database Charset to use in creating database tables. */
define('DB_CHARSET', 'utf8');
/** The Database Collate type. Don't change this if in doubt. */
define('DB_COLLATE', '');
/**#@+
 * Authentication Unique Keys and Salts.
 *
 * Change these to different unique phrases!
 * You can generate these using the {@link https://api.wordpress.org/secret-key/1.1/salt/ WordPress.org secret-key service}
 * You can change these at any point in time to invalidate all existing cookies. This will force all users to have to log in again.
 *
 * @since 2.6.0
 */
define('AUTH_KEY', 'put your unique phrase here');
define('SECURE_AUTH_KEY', 'put your unique phrase here');
define('LOGGED_IN_KEY', 'put your unique phrase here');
define('NONCE_KEY', 'put your unique phrase here');
define('AUTH_SALT', 'put your unique phrase here');
define('SECURE_AUTH_SALT', 'put your unique phrase here');
define('LOGGED_IN_SALT', 'put your unique phrase here');
define('NONCE_SALT', 'put your unique phrase here');
/**#@-*/
/**
 * WordPress Database Table prefix.
 *
 * You can have multiple installations in one database if you give each a unique
 * prefix. Only numbers, letters, and underscores please!
 */
$table_prefix = 'wp_';
/**
 * WordPress Localized Language, defaults to English.
 *
 * Change this to localize WordPress. A corresponding MO file for the chosen
 * language must be installed to wp-content/languages. For example, install
 * de_DE.mo to wp-content/languages and set WPLANG to 'de_DE' to enable German
 * language support.
 */
define('WPLANG', '');
/**
 * For developers: WordPress debugging mode.
 *
 * Change this to true to enable the display of notices during development.
 * It is strongly recommended that plugin and theme developers use WP_DEBUG
 * in their development environments.
 */
define('WP_DEBUG', false);
/* That's all, stop editing! Happy blogging. */
/** Absolute path to the WordPress directory. */
if ( !defined('ABSPATH') )
 define('ABSPATH', dirname(__FILE__) . '/');
/** Sets up WordPress vars and included files. */
require_once(ABSPATH . 'wp-settings.php');